VERSILIA, TERRITORIO, QUALITÀ

a

LA STORIA

Giardini Ripadiversilia nasce da un’idea, un sogno, una sfida: quella di fare buoni vini in una terra tradizionalmente poco valorizzata, ma dalle grandi potenzialità: la Versilia, la parte pedo-collinare.

La proprietaria Renza Maria Gilda Iacopi, assieme al marito Giovanni Svetlich, grandi appassionati di enologia, sin dal lontano 1980 impiantò diversi vitigni, alcuni autoctoni toscani altri alloctoni internazionali, nei terreni adiacenti la propria villa sul Monte di Ripa, frazione del comune di Seravezza (Lucca).

L’INIZIO DI UNA NUOVA REALTÀ

Dopo più di quindici anni caratterizzati da piccole produzioni di circa 2000 bottiglie ottenute da due soli vini, un bianco ed un rosso, senza nomi né etichette (facilmente comprensibile che la produzione era ad uso esclusivo della famiglia e degli amici più stretti), nel 2002, se pur in presenza di una annata bagnata con forti criticità, ebbe inizio un processo di cambiamento radicale con la scelta di fare vino anche per gli altri.
Nacque l’attuale Azienda vinicola Giardini Ripadiversilia.

Partendo dai vigneti esistenti, circa 1,5 ettari, la prima scelta fu di concentrarsi su un vino bianco: “Colli e Mare“, un Vermentino al 90% e Malvasia di Candia al 10%, vincitore di lì a poco del prestigioso concorso “Selezione dei Vini di Toscana”. Successivamente fu la volta di un vino rosso, “Vis Vitae“, un blend di Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah. La produzione totale raggiunse le 4000 bottiglie.

VIGNE, VENDEMMIE E CANTINE

Nel rispetto della tradizione ma attenti alle evoluzioni richieste dal mercato abbiamo improntato un modus operandi finalizzato all’ottenimento della qualità seguendo attentamente giorno dopo giorno, stagione dopo stagione, le esigenze di ogni singola vite fino ad arrivare all’epoca delle vendemmie svolte rigorosamente “a mano”. Oggi la gamma vinicola è completata da un passito, il “Passito N.N.“, derivante da un appassimento controllato prima in pianta e poi su graticci di uve Vermentino, Malvasia e Traminer.
Il percorso in cantina è assicurato da strumenti come vasche e botti in linea con la ricerca continua della qualità. Scelta accurata delle barriques utilizzando solo Allier Tronçais.

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Non solo Vino. L’Azienda Giardini Ripadiversilia conta inoltre 1.000 secolari piante di olivo, la maggior parte cultivar “Quercetano” (di cui l’azienda è la principale possidente), autoctono della zona e risalente ai tempi dell’antica Roma, da cui viene ottenuto l’olio extra vergine “Terre di Chiara“, in onore della mamma del fondatore che per prima cominciò la raccolta delle olive.

a

DICONO DI NOI

Negli anni sono arrivati anche i primi riconoscimenti: oltre alla sempre maggiore importanza e consapevolezza acquisita nell’area versiliese, i prodotti sono stati inseriti con ottimi giudizi nella Guida Oro I Vini di Veronelli, nei TOP 100 di Paolo Massobrio, sul quotidiano La Stampa, sulla rivista Enogea ed oltre al già citato riconoscimento della Regione Toscana.
Colli e Mare e Vis Vitae sono stati selezionati dalla commissione del Merano Wine Festival, la più importante rassegna vitivinicola italiana dell’Eccellenza.
L’Olio Terre di Chiara è stato inserito nella guida degli olii dello Slow Food.

a

FUTURO PROSSIMO

È stata messa in piedi un’opera di ampliamento dell’azienda grazie all’acquisto di nuovi terreni. La proprietà raggiungerà la dimensione di 3 ettari che saranno completamente operativi nel 2017 portando la produzione a circa 8000 bottiglie.

Questi nuovi terreni rientrano nel progetto di valorizzazione e ampliamento dell’intera produzione con nuovi impianti di vitigni facilmente adattabili come Merlot e Syrah, oltre a nuovi cloni di Vermentino.

CHI SIAMO

La direzione aziendale è svolta direttamente dalla proprietaria e dal figlio Lorenzo con la consulenza dell’enologo Dott. Maurizio Saettini. L’area commerciale è seguita dall’altro figlio Paolo.

Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti
Strada del vino e dell'olio
Le Donne del Vino
Grandi CRU della Costa Toscana
Associazione Olivo Quercetano